Lauro, il nostro maestro

Ha lasciato questo mondo il 28 giugno 2007. I suoi allievi Mara e Bruno, d’ora in avanti lo definiranno “la nostra star”; nel nuovo manifesto, infatti, hanno inserito una stella che è stata posta sopra di loro: “E’ Lauro che ci osserva, ci guida e ci sorride dall’alto” Lauro "dei Moja" come ama definirsi, il più anziano del gruppo "Trigeminus"; nasce nel lontano 1927 ed esordisce in teatro, a soli otto anni, interpretando, per la regia del padre, il "Il piccolo parigino". Il "lancio " però non è fine a se stesso e Lauro continua sempre sotto la guida del padre ad esibirsi, in ruoli più o meno importanti, in vari Teatri del nord Friuli e nella zona Laziale fino al 1950 quando, militare, parte per la Somalia.
Anche in quella terra Lauro, calca i palcoscenici di parecchie cittadine, mettendosi nelle mani del Regista Ortensi, che nel 1955 all'atto del rientro in patria, convinto delle capacità del "giovane" gli trasferisce la direzione della Compagnia Filodrammatica di Mogadiscio.Rimpatriato, nel 1970 Lauro, approda a Manzano e nel 1975, per una fortuita combinazione,viene chiamato a dirigere un gruppo di giovani ragazzi amanti del teatro. Appena possibile, il nuovo "direttore" fonda la Compagnia Filodrammatica di Manzano con la quale mette in scena parecchi lavori teatrali propri e di autori italiani per la maggior parte, però, traslati in Friulano. Quando la Compagnia, per sopravvenuti impegni da parte di molti ragazzi, attraversa un periodo di crisi, Lauro raccoglie accanto a se due incorreggibili e con quelli crea il gruppo cabarettistico "Trigeminus". Da regista e attore della Compagnia, in questa nuova compagine dà vita al primo dei personaggi messi in scena dai Trigemunus, l'ormai famoso e irriducibile Bastian.
 
 
Lauro Moja nei panni del personaggio Bastian